Silver Lion 2015 - Venice Biennale

Leone d’Argento 2015
Biennale di Venezia

Katastrophe

Debutto, 19 marzo 2011 al TILT Festival di Perpignan.
Produzione tuttora in tournée.

Quattro performer, undici modellini in scala e centinaia di orsetti gommosi compongono il mondo in cui si svolge Katastrophe: una favola assurda sulla civiltà umana, incentrata sulle catastrofi. In questo contesto, gli orsetti gommosi subiscono terremoti, tsunami, guerre e stermini. Tutto ciò avviene attraverso esperimenti chimici e azioni sovversive. Benvenuti in questo universo pop di caos, gioco e distruzione.

Katastrophe mette in questione la differenza tra una catastrofe naturale, una catastrofe “naturale” causata dall’uomo e una catastrofe umana. Detta in un altro modo, la questione è se le morti causate da uno tsunami siano paragonabili a quelle causate da una fuga radioattiva o quelle prodotte da una bomba atomica. Noi abbiamo un’idea molto chiara a riguardo.
Attraverso la manipolazione degli orsetti e dei modellini in scala disposti su tutta la scena, Katastrophe propone un viaggio attraverso l’impatto che le catastrofi hanno avuto sulla storia umana e il rapporto che si è instaurato nel tempo tra la “violenza” della Natura e la violenza provocata dall’uomo. Quindi il lavoro segue il filo che ci conduce da una Natura che si esprime su e contro se stessa (possiamo considerare una catastrofe le massicce eruzioni del Cambriano che hanno sterminato più della metà delle foreste della Terra), all’uomo che esprime la propria violenza su e contro se stesso. Cosa spinge una comunità a perseguitarne e sterminarne un’altra?.
Sulla strada che porta dalla prima glaciazione ai campi di concentramento del XX secolo, Katastrophe mostra anche i volti degli uomini (degli orsetti…) che hanno subìto l’azione della Natura, mostra quegli stessi uomini che la manipolano e come la Natura manipolata si rivolge contro il suo manipolatore.
E tutto questo per sollevare la domanda principale del pezzo: l’indifferenza della natura nei confronti dell’essere umano giustifica l’indifferenza dell’essere umano nei confronti di se stesso?
Katastrophe è uno spettacolo caratterizzato dal linguaggio scenico che definisce l’Agrupación Señor Serrano: performance, danza, teatro fisico, video live e tecnologia interattiva.

Squadra

Idea originale: Àlex Serrano e Pau Palacios / Creazione – Performance: Diego Anido, Martí Sánchez-Fibla, Àlex Serrano e Pau Palacios / Project Manager: Barbara Bloin / Software: Martí Sánchez-Fibla / Realizzazione video: Josep Maria Marimon / Maschere: Silvia Delagneau / Light design: Alex Aviñoa / Consulente scientifica: Irene Lapuente. La Mandarina de Newton / Musica: Roger Costa (pezzi Gummies, Spaces e Metals) / Cantante: Susanna Abellán (Gummies) / Consulente del progetto: Víctor Molina / Management: Art Republic.

Una produzione di

Festival Hybrides de Montpellier e Agrupación Señor Serrano.

Con il sostegno di

Consell Nacional de la Cultura i de les Arts de la Generalitat de Catalunya, Centre National des Écritures du Spectacle, Stalker Teatro, Programme Odyssée – ACCR du Ministère de la Culture et de la Communication, Sala Beckett, Instituto Nacional de las Artes Escénicas y de la Música (INAEM), Institut Ramon Llull.

Premi

Premio Wojciech Olejnik e Premio della Giuria allo Spettacolo Più Creativo, Festival PIHT 2013, Varsavia (Polonia).
Premio Speciale della Giuria nel Festival Banialuka 2012, Bielsko Biala (Polonia).

We love logos

Supporters Logos
Torna in alto